Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Premi il tasto INFO per ulteriori informazioni.

Continuando ad usare il nostro sito, accetti il nostro impiego di questi cookie.

NewsLetter

49bb07c9cc05f777418db949280a43ddc324afbe

Manca poco all’appuntamento annuale dell’Acmi Day, la giornata dedicata al Credit Manager che gestisce ogni giorno le diverse sfumature del complesso mondo del credito.

Riprenderemo il tema a tutti caro della certificazione della nostra professione, e vedremo i risultati della survey sul profilo del Credit Manager.

Inoltre attraverso la testimonianza dei colleghi  ci confronteremo sulla  gestione degli ordini, delle procedure di incasso e del recupero iva  fino a comprendere i rischi di impresa attraverso studi di settore;  si analizzeranno l’evoluzione delle coperture assicurative e  i vantaggi della mediazione o dell’outsourcing per migliorare l’efficienza della propria azienda.

Non perdere questa grande occasione e valorizza il tuo ruolo!

Iscriviti subito ti aspettiamo il 25 maggio in auditorium Testori presso Palazzo Regione Lombardia!

L’evento è gratuito per gli aderenti e per i non aderenti la quota è di €120,00 comprensiva di iscrizione Acmi 2017.

Guarda il programma ed iscriviti i posti sono limitati!

corso di formazioneAttraversa Verona il percorso di formazione che sta portando Acmi, Associazione
Credit Manager Italia, in collaborazione con Ask Advisory, società di consulenza che ha sede a Milano, a lanciare il progetto «Acmi certifica». «Dopo anni di attesa», dichiara soddisfatto Roberto Daverio, presidente dell’Acmi, «si concreta il progetto di qualificazione del ruolo del credit manager (il responsabile del credito commerciale)supportato da un sistema controllato secondo la norma Uni En ISO9001:2015, per ideare ed erogare corsi di formazione e attività di qualifica indirizzati alla figura del credit manager..leggi tutto articolo pubblicato sull'Arena di Verona... Informati sui nostri corsi 2018 

imagegen studio pagamenti cribis 28042017

Pagamenti commerciali: calano ancora i ritardi gravi, -13% in un solo anno.

Buone notizie dalle imprese italiane, sempre più attente alla gestione del proprio credito: calano costantemente i ritardi gravi delle aziende nei pagamenti nei confronti dei fornitori. Rispetto ad un anno fa i pagamenti oltre i 30 giorni di ritardo, uno dei principali indicatori dello stato di salute delle imprese, sono infatti diminuiti del 13%. Decisamente un buon segnale, che dà continuità al trend positivo che era emerso già nel corso del 2016. Per saperne di più

amex banner 28042017Il capitale circolante è la linfa vitale di ogni business: non esiste industria capace di sopravvivere senza il corretto apporto di capitale per aver successo sia nel breve che nel lungo termine.
Mantenere sufficienti livelli di liquidità a breve è una sfida odierna costante, ma la turbolenza dei mercati finanziari insieme ad un forte clima di incertezza economica, hanno reso ancora più difficile l’ottenimento di finanziamenti esterni.
Il capitale circolante è un indicatore finanziario che misura l’ammontare di liquidità immobilizzate in operazioni finanziarie definendo le condizioni a breve termine di un’azienda: CAPITALE CIRCOLANTE = CREDITI COMMERCIALI-DEBITI COMMERCIALI...leggi di più 
Report Mancati Pagamenti Euler Hermes 2017Il Report Mancati Pagamenti è una ricerca sugli andamenti dei pagamenti delle Imprese Italiane condotta su ogni singola Regione, comprensiva di approfondimento per i diversi settori merceologici (domestic/export).
EDIZIONE 2017: CRESCERE, MA CON LENTEZZA
I giorni d’incasso per un credito (DSO) rimangono elevati ma diminuiscono di 48 ore, attestandosi a 86gg nel 2016.
L’ammontare totale dei debiti scaduti è diminuito del 25%, nel 2016.
Il valore medio di un mancato pagamento nel 2016 è diminuito del 13% sul mercato domestico arrivando a quota 14.000, mentre, sul mercato estero aumenta dell’8% toccando il livello di 23.000 euro.
Le insolvenze aziendali sono calate del 9% nel 2016 con 13.500 casi, ancora il doppio rispetto ai livelli pre-crisi. Nel 2017 atteso un ulteriore calo del 5%..clicca qui per vedere il report