Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Premi il tasto INFO per ulteriori informazioni.

Continuando ad usare il nostro sito, accetti il nostro impiego di questi cookie.

Ieri 27/03/2018 si è avviato  il tavolo di lavoro presso UNI, presieduto da:

  • Dr. Roberto Giancarlo Daverio,
  • Dr. Stefano Ciotti,
  • Avv. Andrea Davide Arnaldi,
  • Dr. Franco Fontana,
  • Dr. Fabrizio Fujani,
  • Dr. Riccardo Mazzoni,
  • Dr. Roberto Mosca.

UNI: l'Ente di Normazione Nazionale, relativo allo sviluppo della prassi di riferimento per definire i requisiti di servizio del credit management e i requisiti di conoscenza, abilità e competenza del credit manager e profili correlati. Il tavolo è stato promosso da ACMI Associazione Credit Manager Italia forte della sua decennale presenza sul mercato come Associazione di riferimento nel settore. ACMI rilascia già gli attestati di  qualità e di qualificazione professionale dei servizi prestati dai soci come Associazione ma ha ritenuto di avviare i lavori sulla prassi sopraccitata per diffondere e divulgare con un documento prenormativo le metodiche, i processi e le competenze nel settore del credito. In assenza di norma l’unico documento valido in termini legislativi è, rispetto la legge 4, l’attestato di qualità e qualificazione professionale dei servizi prestati dai propri soci. Esistono svariati schemi di certificazione proprietari sia accreditati sia non, ma in termini legislativi e solo in termini legislativi, non hanno validità. Come detto l’obiettivo è arrivare a una norma ma per fare questo è necessario coinvolgere il mercato e tutti gli stakeholder di riferimento e lo strumento migliore è la prassi di riferimento che ha la caratteristica di essere di libera distribuzione quindi gratuito sul sito UNI.

ACMI, forte della sua rappresentanza sul mercato che risale agli anni 70, basandosi su un suo documento sorgente regolarmente registrato alla SIAE sta già sperimentando delle certificazioni sia per supportare l’attestato di qualità e qualificazione professionale dei servizi sia testare il documento sorgente e affinare la futura prassi di riferimento.

ACMI, sempre nell’ottica di sperimentazione, ha individuato un Ente di certificazione di terza parte, già accreditato ISO 17024 come partner nazionale e internazionale, Intertek Italia dato che ACMI fa parte di FECMA.

Distinti saluti
Il Presidente Acmi

Dr. Roberto Giancarlo Daverio